La panna montata

LATTE+HD si tinge di rosa con una nuova rubrica. Dopo una attenta analisi statistica abbiamo notato che la stragrande maggioranza delle visite al blog è dovuta al tag “francesco arca nudo”. Pertanto, a seguito di una accesa riunione in redazione, si è deciso di assecondare il volere del pubblico sovrano e istituire una rubrica indirizzata al gentil (e direi anche affamato) sesso. “Tra mascara, paillettes e tori da monta”, questo è il titolo della nuova rubrica; un paradiso dell’estrogeno che tratterà temi quali gossip, nuove tendenze e approfondimenti monotematici sulle razze bovine dedite alla riproduzione quali ad esempio il Chanchim brasiliano, il toro de Lida spagnolo o il Romagnolo italiano.

 Immagine ????????????????????????????????????????

Ovviamente è quasi tutto falso. Il tag più cercato è il sempiterno “tette” e Maria De Filippi non ha alcun potere in questo blog. Però, c’è un però. La rubrica nuova esiste, il titolo è ancora un mistero, ma sappiamo che sarà tenuta da una matematica -giusto per rialzare un po’ gli standard- a cadenza maniacalmente mensile e proporrà la recensione di un libro nuovo ogni volta. Buona lettura quindi.

Annunci

Allacciate le cinture che vi cadono i pantaloni

vita

Controllare se si è pestata una cacca con movenze aggraziate è impossibile come far recitare Francesco Arca e confezionare un buon film. Ferzan Özpetek, probabilmente il regista italiano (/che opera in Italia) più sopravvalutato di questi anni, ha però trovato anche altre strade per realizzare il film più brutto che ho visto quest’anno, “Allacciate le cinture”.

2150482-ozpetek

“Quella! è una cinepresa?”

La storia è quella di una che si innamora di un toro la cui unica abilità è quella della fornicazione, dopo 10 anni di matrimonio e due figli si accorge improvvisamente che l’unica cosa che sa fare sua marito è -colpo di scena- fornicare, con altre donne. Poi lei si ammala, cancro al seno, sta male, è brutta piange e perde i capelli (o meglio si mette una bandana in testa) e come può redimersi il marito se non facendosela pure sul letto di ospedale? Questa è grossomodo la trama del film, già di per sé misera ma sviluppata peggio. Ad alimentare lo scempio intervengono, tra le altre cose, la penosa scritta in sovraimpressione “10 anni dopo” per introdurre il flashforward e un pessimo costumista che non riesce a rendere per niente l’idea del trascorrere del tempo. Ecco, di solito non si parla del truccatore/costumista, ma in questo caso è giusto citarlo con nome e cognome per la peculiarità del suo lavoro: Alessandro Lai. Che faccia dell’altro: piastrellista, deltaplano, cuoco per cani, qualsiasi cosa che lo tenga distante da un set cinematografico in futuro.

Passiamo al cast. Oltre al già citato Francesco Arca che a quanto pare è un tronista (qualsiasi cosa voglia dire) e non è che ci potesse aspettare più di questo, parliamo della protagonista: Kasia Smutniak. Una bella figliola, per carità, me la ricordo recitare così bene in Caos Calmo quando il suo unico ruolo consisteva nel portare a spasso un cane per il parco. Ma ecco, basta. Non fategli fare la parte drammatica perché è tanto caruccia in viso quanto monoespressiva. E poi basta. Basta. Basta con Carla Signoris, con la sua scollatura molla in mezzo all’inquadratura e la sua voce insopportabile che le permette di fare solo il ruolo (e fa sempre quello) della signora esaurita di mezza età. Continua a leggere

Attivissimo, Purissimo, Levissimo.

É un cacciatore di bufale ma non è un nativo americano, l’asteroide 357116 ha il suo nome ma c’è chi dice sia il suo luogo natio, smentisce contraddice e schernisce… solo una persona condensa tutte queste caratteristiche: stiamo parlando di Paolo Attivissimo.

photo

Chi è Paolo attivissimo? Attivissimo è un Debunker.  Cos’è il debunker? Detto in parole povere è quello che deve far tornare i conti. Se per un certo periodo in internet gira una stronzata Il signor attivissimo dopo attente analisi e minuziose indagini la etichetta come stronzata , quando invece dei partiti di opinione attaccano versioni ufficiali in campo di scienza o cronaca i signor attivissimo tutela la “teoria ufficiale” (versione maggiormente accreditata da organi di stampa e governo). Un paraculo insomma. Il suo senso critico si modella come uno stampino sulla scia dell’ufficialità, ha un metodo di indagine induttivo che parte sempre dalla convinzione che la teoria ufficiale sia vera, autentica e inconfutabile, le sue indagini non portano dettagli o elaborazioni in più rispetto alla versione che difende ma spesso si limita a linkare o a consigliare libri dove a suo dire l’utente troverà la risposta che cerca. Lasciando perdere le piccole bufalette,  fantasie partorite da birbantelli della rete che hanno mandato in tilt l’utente medio mettendo in circolazioni false credenze come “zingari autorizzati a furti di 200 euro”, che il signor Attivissimo ha confutato con tempismo impeccabile (casalinghe divorziate e benzinai ringraziano), arriviamo a tematiche più scottanti . L’attentato al World Trade Center dell 11 settembre. Continua a leggere

Quello che non vi dicono…

conspiracy

Nuova rubrica e nuova tastiera per LATTE+HD. Dietrologie, complottismi, occultismo e falsi profeti, di questo si occuperà (se ho capito bene) la rubrica “Quello che non vi dicono“, tenuta da un ingegnere.

“Perché una così rovinosa caduta di stile?”, vi chiederete tutti in coro. Perché il poliedrico personaggio che si occuperà di questa rubrica incarna sì alcuni dei difetti tipici dell’ingegnere, quali l’essere facile preda del fascino discreto delle dietrologie, ma, al contempo, riesce a liberarsi dell’ottusità dozzinale propria della sua brutta razza. Un documentato indagatore del sottosuolo che riemerge con uno sguardo inaspettato e dissacrante delle opinioni di regime

Oceans_wallpapers_266

 

.