Moduloenne: finalmente un pari e dispari multiplayer

Propongo oggi, in anteprima mondiale, una generalizzazione del noto gioco “Pari e dispari”. Per decretare un vincitore o uno spareggio tra due giocatori in modo simil-equiprobabile esistono diversi modi. La Monetina, Carta forbici e sasso e il Pari e dispari, appunto. Della carta forbici e  sasso è già stata proposta una ormai nota e diffusa generalizzazione, fastidiosamente e fantasiosamente traducibile in italiano con “carta forbici sasso lucertola e spocchioso“, e una meno nota.

3226702-rock-paper-scissors-poor-edward--large-msg-13403568826 600px-Pierre_ciseaux_feuille_lézard_spock_aligned.svg

Per quanto riguarda invece distinguere in due squadre più giocatori solitamente si utilizza Miscela (o La man Zulega). Siccome tale gioco cambia nome in ogni regione e addirittura in ogni provincia lo descrivo brevemente per amor di chiarezza. I partecipanti si dispongono in cerchio, ognuno alza una mano e tutti assieme urlano “MI-SCE-LAAA!” (o in alternativa “ALAMANNNN-ZULEGA!”, personalmente preferisco quest’ultima versione: più appassionante). Pronunciando l’ultima sillaba (rispettivamente “LAAA!” o “ZUELEGA!”) tutti i giocatori abbassano contemporaneamente la mano di fronte a loro, al centro del cerchio formato dai partecipanti, ponendo il palmo della stessa rivolto verso l’alto o verso il basso. La prima squadra sarà formata dai giocatori che hanno rivolto il palmo verso l’altro, la seconda da quelli che l’hanno rivolto verso il basso.

E’ quindi nota la soluzione per i problemi di decretare un vincitore tra due giocatori e di distinguere in due squadre più giocatori. Resta però irrisolta la questione di eleggere un vincitore tra più giocatori. Per fare ciò sono necessari alcuni preliminari, in particolare è necessario definire l’operazione modulo, ovvero il resto della divisione per N, dove N è il numero dei giocatori. A questo punto definire il gioco è facile: ogni giocatore sceglie preliminarmente un numero da 0 a N-1 e urlando “BIM BUM BAM!”, come in Pari e dispari (o in alternativa “MO-DULO-ENNE!”), mostra con le dita un numero da 0 a N-1. Si procede calcolando la somma S delle dita mostrate dai giocatori e si fa S modulo N, ovvero si trova M pari al resto di N diviso S. Il giocatore che aveva scelto M come suo numero vince. E’ immediato notare come il Pari e dispari sia in realtà il caso particolare di Muduloenne con N=2.

Esempio: Giangigi, Pierpaolo e Ubaldo devono scegliere chi entra nel sexy shop per comprare la bambola gonfiabile. Giangigi sceglie lo 0, Pierpaolo 1 e Ubaldo 2. Fanno “MO-DULO-ENNE!” e mostrano rispettivamente 2, 2 e 0 dita. 2+2+0=4, 4 modulo 3 = 1, tocca quindi a Pierpaolo entrare nel sexy shop e farsi riconoscere alla cassa da sua cugina.

Ovviamente il numero di giocatori è limitato al numero di dita delle mani, in condizioni particolari è possibile giocare anche in 20, se ad esempio siamo in spiaggia e abbiamo le dita dei piedi particolarmente flessibili. Mi piace comunque pensare che non siamo soli nell’universo e forme di vita particolarmente prensili siano in grado di sfruttare appieno le potenzialità di Moduloenne e divertirsi a dovere.

9QpxJxr

 

Annunci

2 pensieri su “Moduloenne: finalmente un pari e dispari multiplayer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...